mercoledì 16 ottobre 2013

Indagine Ocse: gli italiani sono i più istruiti del mondo.



Uno studio dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) ha svelato che gli italiani sono in cima alla classifica mondiale per livello di istruzione. L’indagine ha analizzato le competenze di 166mila persone tra i 16 e i 65 anni in 24 Paesi del mondo cosiddetto sviluppato, constatando che, se è pur vero che gli italiani sono in fondo alla graduatoria mondiale per ciò che concerne le competenze alfabetiche, matematiche e scientifiche e le cognizioni di fisica, di astrofisica, di biologia, di chimica, di meccanica, di matematica, di geometria, di informatica, di robotica, di medicina, di musica e, in genere, per le capacità di leggere e scrivere, di risolvere problemi e di utilizzare la tecnologia, eccellono invece nel campo della scienza teologica e religiosa: il che vale a compensare e ad annichilire ampiamente tutte le immani deficienze acquisite nel campo delle altre scienze minori.
Grande soddisfazione è stata espressa dal Capo della Repubblica Pontificia Italiana, Papa Bergoglio, e dal suo vice-capo Re Giorgio I° Borbone, i quali hanno all’unisono elogiato la lungimiranza dei politici che hanno amministrato l’Istruzione pubblica del nostro Paese, garantendo il corposo insegnamento delle uniche materie scientifiche che garantiscono alla gioventù ed alla popolazione un futuro roseo nel campo dell’occupazione e del lavoro: la religione cattolica e la teologia.

“E’ soltanto grazie alla raffinata ed illuminata teologia di Ratzinger e di Berboglio e all’insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche che l’Italia ha potuto acquisire un progresso scientifico senza eguali, che la pone all’avanguardia negli studi scientifici su Dio e su tutte le sue variegate componenti e discipline”, hanno affermato in coro Re Giorgio I°, il Premier Enrico-Gianni Letta, Matteo Renzi, Beppe Grillo, Silvio Berlusconi, Paola Binetti, Mario Monti, Angelino Alfano, Maurizio Lupi, Rocco Buttiglione, Clemente Mastella e gli altri 3.896.678.978 politici di tutti gli schieramenti che reggono le sorti del nostro bel Paese. “Solo gli italiani hanno acquisito conoscenze scientifiche all’avanguardia su Dio, sul mistero della Trinità, sul mistero della verginità della Madonna, sui miracoli dei santi e delle reliquie, sul fenomeno elettrochimico della transustanziazione, sulle caratteristiche fisiobiochimiche degli Angeli e sui DNA che contraddistinguono quelli Troni da quelli Cherubini, Serafini ed Arcangeli, sulla reale natura prepuziale degli anelli di Saturno, sulla composizione biofisiochimica del sangue di San Gennaro e del latte della Madonna e sullo straordinario processo bioastrofisioelettrochimiconucleare della resurrezione di Cristo. Le carenze nei campi delle altre scienze non ci preoccupano affatto, perché si tratta di scienze minori che non servono a nulla: sarà anzi cura di questo Governo e dei Governi che verranno garantire che l’insegnamento della religione cattolica soppianti definitivamente lo studio di materie inutili e desuete come la matematica, la fisica, la biologia, la medicina, l’astrofisica, la geometria, la geografia, l’informatica, l’elettronica, la medicina etc.: quando si conoscono a fondo le caratteristiche biopsicoastrofisioelettrochimiconucleari di   Dio, della Madonna, degli Angeli, dei Santi e dei miracoli di cui sono quotidianamente capaci, il tempo per studiare le materie scientifiche è tutto tempo sprecato”.
Postato da Luigi Tosti il 16 ottombre 2013 d.i.C.

2 commenti:

Ivan ha detto...

Come sempre incisivo e molto ironico. Una persona da onorare per le sue idee sociali e razionali. Un vero faro del diritto.

giano ha detto...

Grazie Luigi! Di tutto...
Un forte e laico abbraccio!